venerdì 26 agosto 2016

GREAT ISRAEL OR GREAT KHAZARIA? THE KIDNAPPING OF CHILDREN BY ZIONIST, by Stefano Zecchinelli


An important online newsagency of the anticapitalist-left movement in the U.S.,Counterpunch.org, has tackled one of the "murkiest secrets of israel": the kidnapping of children.
The topic has an enormous relevance and ha affrontato uno dei ‘’segreti più oscuri di Israele’’ quello del rapimento dei bambini.
L’argomento ha una rilevanza enorme e, in all probability, no european newsagency would have the firmness and the knoweledge to face it.
I will try from the beginning to focus methodologically on the matter. Writes the reporter Jonathan Cook: "The story of the kidnapped children, anyway, has been some shock necause was unexpected. These crimes were not committed against Palestinians, but against fellow jews. The parents to whom they were stolen has arrived in the new country attracted by the promise that in israel they would find a sanctuary, where nobody would ever endure any persecution".(http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php…)
Continues Cook: "The arabness of these jews was seen as a direct threat for the existence of the jewish state, almost as dangerous as the Palestinians presence. israel has perpetrated a de-arabisation of these jews from the Middle East with the same determination werewith it had just chased awaymost Palestinians from the area".
Given this analysis of the facts, we would be facing, therefore, a double ethnic cleansing: towards the Palestinian people that for many centuries inhabited, peacefully, the region; and towards the sephardic jews, the jews-arabs belonging to the semitic group.
It is an almost unheard-of kind of double anti-semitism perpetrated by the zionist élite; the historian Shlomo Sand has revealed to the european readers, totally ignorant on the matter, that the colonialist oligarchy that founded the zionist entity following the Naqba (that is the violent eviction of Palestinians from their own land), is not originally sephardic (semitic, as the Palestinians) but azhkenazi. This is the powerful azhkenazi bourgeoisie coming from Khazaria. This élite follows the precepts of the Talmud of Babylon ignoring Torah and the jew's history - arabs and persians - who, for centuries, have peacefully shared and inhabited the region along with Palestinians, Syrian, Iraqi and Iranian peoples.
The scholar Giuseppe Zambon, an antizionist jew and edithor, explained, introducing the renowned triology of the british reporter Alan Hart - Zionism, the true enemy of jews - tha the zionist élite has an hungro-finnic origin while Palestinians, with all probability, are semitic converted to Islam for, given the historical context of the time, political and social reasons. Very important historical research, as highlighted by Zambon, emphasize this argument, uncomfortable, but solid and strongly supported by historical evidence and sources.
The venezuelan activist Susana Khalil, breaking with the usual and ineffectual historical eurocentrism, agrees with Sand and Zambon: "The azhkenazi are classified as european jews, of caucasic, slavic, arian, indo-european race. Ethnically they are not semitic (arab origin) and they represent around 80 and 90% of the global jew's population. The other jews groups are the sephardic, many of whom are of North-african origins (but are not necessarily semitic); the sephardic of Spain and Portugal, of greek-roman origins (non-semitic). These could represent around 20% of the jews. Moreover exists a minority of semitic jews (arabs), the mizrachi (including Iran, not arabs but natives of the area), that could represent 1% of the global poulation fo jews." (http://www.aporrea.org/internacionales/a210365.html)
Question: Do we have the documents to accuse the zionist for the destruction of the sephardic population, as keepers of an historically relevant cultural and theological tradition, all for the sake of azhkenazi's colonialism?
Again The edithor Zambon has made available a precious document: it is the letter from Ami Meshulam, son of Uzi Azulai Meshulam, chief-rabbi of the jews-arabs (Mizrachi) "imported" from Yemen to israel in the 50's during operation "flying carpet" ( Source: CIVG ). The rabbi Meshulam has been taken prisoner by the zionist entity for having denounced the genocidal policy of the "real existing zionism" that kidnapped mizrachi's children, after declaring their death, with the aim of "zionising" them, to root them out of their original jewish community. Here is the letter.
My dear friend Shahar
Peace and blessings!
Hope you're well?
I'm really ashamed that I turn to you with my troubles, unfortunately our daily condition totally disables us ...
Apparently the corrupt elements in Israel are doing everything to finish my (distroy) life ...
I was wondering if you know any strong organizations with political influence in Europe that could help me and my family including my wife , sisters find refuge for our soul, we are broken and have no more power to see no justice in this world.
We want no money, no gold and no citizenship, we just want a piece of land to provide some rest for our soul.
I do not know which countries pursuing justice without Israel's political influence that goes with evil , insult and criminality regarding our topic.
I Thank you in advance for all your help
with graet respect and Sorry for the interruption
Ami Meshulam
A shameful anti-semitic rethoric - fostered by zionist and israeli crimes - has concealed the fact that in jewish world, in the past, there have been scores of high-spirited, anticonformistic peoples : from the historian Ilan Pappe to the scientist Vananu; from the rabbis of Naturei Karta to the yemenites jews that are fighting against both zionist and wahabis imperialism. The genocidal policy of zionism aims, among other things, at deleting all that remains of laic and progressist hebrews.
Question: Why the hasbara - zionist's war propaganda - has appended the jewish communities of the west to the warmongering policies of Likud? How has been possible such a ruinous outrage?
I will recall, about this, the words of historician Diego Siragusa whom, describing this pair "jewish communities/israel" has described the jewish community of Rome as "the italian section of israeli far-right wing". Now, things are going this way, "tribalism" has taken over, although the noble dissidence abound.
Israeli zionists are not israelites and the jewish culture that sprouted from Iran, Syria and Morocco has nothing to do with the talmudistic rants of "religious zionism".
Question: israeli far-right aims to realize Great israel or Great Khazaria?
In 2004 Haaretz, the leftish, liberal newspaper, has published a documentary that went on-air in israel the 14 august of that same year, denouncing the Ministry of Health of purchasing, in 1951, under the supervision of SHimon Peres, seven X-Rays machines; those have been employed for some experimental tests on sephardic "guinea-pigs"(semitic jews).
Here are the facts: israeli officials gave orders to take in schools some 100,000 moroccan-jews children to whom were shooted, without protection, radiations 35,000 times more powerful than gamma rays. To define the devastating effects is, at least, small thing: 6,000 children died immediately, while 94,000 developed tumors and other forms of permanent damage. The purpose of the "azhkenazi zionists" was that of creating, through eugenetic sperimentation, the new low-class of israel; upon biological and not only socio-economical basis.
An operation of ethnic cleansing directed to hit not Palestinians, but semitic jews.
Question: On which basis the israeli government accuses his critics of anti-semitism?
The journalist Furio Grimaldi - using unsuspected sources (Haaretz) - tells us that: "In the program are indicated the responsibles of the project: Nahum Goldman, head of the Jewish World Congress; Levi Eshkol, prime minister; Shimon Peres, then General Director of the Ministry of War; Eliezer Kaplan, Ministry of Finance; Joseph Burg, Minister of Healthcare, accused by the yemenite rabbis as the main responsible of the kidnapping of their children. It has been this cabal that, in 1977, elected Menachem Begin as Prime Minister". (http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o3641:r1)
The zionist lobby, for the sake of justice, should be subjected to a new Nuremberg Trial.
Question: the members of zionist lobby - following the footsteps of Goering and Rosenberg - should be awarded capital punishment?
After few years following the Shoah, the azhkenazi zionism - collaborator of Hitler's dictatorship (http://www.israelshamir.net/Italian/natura.htm)- committed a new genocide against the Palestinian people and the sephardic jews. An anti-semitic genocide, anti-arab and anti-jewish, consummed by those who pretend to build a state "for jewish only".
From concepts as ethnic or racial supremacy, despite hasbara parrots, it would never spring up any true democracy - not even the most "foolish" one - even by taking as reference the principles of "democratic-bourgeois" political science.

English translation by Traduzioni Clandestine

Trotsky e la balcanizzazione dell'Europa, di Nicolas Bonnal

RUStrotsky4

DI NICOLAS BONNAL
dedefensa.org
Leone Trotsky è spesso irreprensibile sul terreno dell'analisi.
Sull'attuale declino dell'Europa si potranno leggere queste righe, scritte e pronunciate nel luglio 1924 (Discorso sulle prospettive dell'evoluzione mondiale) al tempo del piano Dawes, quando il celebre rivoluzionario é ancora al comando:
"Il capitale americano comanda attualmente alla diplomazia. Si prepara a comandare allo stesso modo alle banche e ai trust europei, a tutta la borghesia europea. E' ciò a cui tende. Assegnerà ai finanzieri e agli industriali europei dei settori di mercato definiti. Regolerà la loro attività. In una parola vuole ridurre l'Europa capitalista allo stretto necessario, in altre parole prescriverle quante tonnellate, quanti litri, quanti kg, di questa o di quell'altra materia ha il diritto di comprare o di vendere.”


E Trotsky ribadisce una balcanizzazione dell'Europa voluta dagli Stati Uniti:
" Già nelle tesi per il terzo congresso dell'Internazionale Comunista scrivevamo che l'Europa è balcanizzata. Questa balcanizzazione continua anche attualmente."
L'Europa non è più l'Europa dopo Versailles 1919. E contrariamente al generale De Gaulle che pensava che la Russia tradisce la sua razza, Trotsky scrive che è l'America dei banchieri che tradirà la sua razza:
"Dal momento in cui sarà in guerra con l'Inghilterra, l'America farà appello alle centinaia di milioni di indiani e li inviterà sollevarsii per difendere i loro diritti nazionali intangibili. Agirà allo stesso modo verso l'Egitto l'Irlanda, eccetera. Come per mettere pressione all'Europa indossa adesso il mantello del pacifismo, così interverrà, al momento della guerra con l'Inghilterra, quale grande liberatrice dei popoli coloniali.”
Mascherandosi col mantello del pacifismo, si producono le guerre di Libia, di Siria, del Kosovo!
Troskij sa anche che ogni appello al ribasso delle tariffe doganali è a servizio di una parola d'ordine più oscura:
"La storia favorisce il capitale americano: per ogni atto di brigantaggio la storia gli fa trovare una parola d'ordine di emancipazione. In Europa gli Stati Uniti chiedono l'applicazione della politica delle “porte aperte”… Ma, grazie alle condizioni speciali in cui si trovano gli Stati Uniti, la loro politica riveste la maschera del pacifismo e a volte persino quella di fattore di emancipazione".
John Hobson, molto citato da Lenin, indicava nel 1902 che l'umanitarismo è il motore dell'imperialismo.
Poi Trosky afferma che il miglior alleato degli Americani per infeudare e balcanizzare l'Europa non è mai la destra, per quanto vili e stupidi possano essere i suoi politicanti: no il migliore alleato degli americani è la sinistra, è la socialdemocrazia. Ed è “Il Rivoluzionario” del secolo scorso che lo scrive:
"Di questi tempi l'America edifica il suo piano e si prepara a mettere tutto il mondo a stecchetto… La socialdemocrazia è incaricata di preparare questa nuova situazione ovvero di aiutare politicamente il capitale americano a sottoporre al razionamento l'Europa . Che cosa fa in questo momento la socialdemocrazia tedesca o francese, che cosa fanno i socialisti di tutta Europa? Essi si educano e si sforzano di educare le masse operaie alla religione dell'americanismo; in altre parole essi fanno dell' americanismo e del ruolo del capitale americano in Europa una nuova religione politica."
Noi siamo sempre in pieno periodo di razionamento e in piena religiosità americana grazie a Goldman Sachs e al Partito Socialista! E Trotsky insiste con un bello slancio di lucidità che faceva muovere delle masse popolari in seguito ben anestetizzate:
"In altri termini, la socialdemocrazia europea diventa in effetti l'agente politico del capitale americano. E' un evento inatteso? No, perché la socialdemocrazia che era l'agente della borghesia, nella sua degenerazione politica doveva fatalmente diventare l'agente della borghesia più forte, della borghesia più potente, della borghesia di tutte le borghesie, ovvero della borghesia americana."
Nel 2015 il 43% dei miliardari mondiali sono americani. Wall Street conduce la danza a suo piacimento, tanto a Bruxelles come a Parigi o a Berlino.
Nel 1924 la Germania dunque era già passata dalla brutalità imperiale al servilismo democratico prima di rimbalzare nella barbarie sfrenata dei nazisti. Come diceva borbottando un certo Adolfo Hitler, “il Reich è diventato una colonia di schiavi al servizio dello straniero.”
Perché i nostri amici tedeschi, sottolinea Philippe Grasset, non fanno mai le cose a mezzo: o sono padroni, o sono servi, raramente sono uomini liberi.
Infine sul problema del debito trovo queste righe quasi divertenti di Trotsky   nel medesimo testo denso di idee:
"La politica europea dell'America è interamente fondata su questo principio . Germania, paga la Francia; Italia, paga l'Inghilterra; Russia, Germania, Italia, Francia e Inghilterra pagate me. Ecco quello che dice l'America. Questa gerarchia dei debiti è una delle basi del pacifismo americano."
Siamo nel luglio 1924

Nicolas   Bonnal
Fonte: www.dedefensa.org
Link: http://www.dedefensa.org/article/trotskiet-la-balkanisation-de-leurope
17.08.2016

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da GIAKKI49

giovedì 25 agosto 2016

La guerra ambientale è in atto - Intervento di Antonio Mazzeo

Intervento di Antonio Mazzeo alla conferenza di Firenze del 27 Ottobre 2012 - La guerra ambientale è in atto, dalle mistificazioni scientifiche del global warming alle manipolazioni globali della geoingegneria -

SCIE CHIMICHE & TERREMOTI ARTIFICIALI: PARLA IL GENERALE FABIO MINI.

Il Generale Fabio Mini, illustra a grandi linee le metodologie di manipolazione del clima, e la mentalità dei militari.
Controlla il suo curriculum: http://it.wikipedia.org/wiki/Fabio_Mini

Polarization and the Powder Keg, by James Petras

Introduction: The constitutional order of the US, such as it exists, faces a profound crisis of legitimacy, rooted in the multi polarity of US society. The US is divided among (1) a deeply entrenched police - judicial - presidential state against civil society organized in community based Afro-American, Hispanic and disinherited workers; (2) a corrupt Federal police, Justice , State Department and Presidential Office against a constitutional legal system upheld by the vast majority of citizens; and (3) a rigged Presidential electoral system against the consent and approval of the majority of the electorate.



The divisions in US society go far beyond the ‘opinions’ expressed in polls and surveys.
The polarization has found expression in mass street protests, ‘rejectionist’ votes and violent assaults. Are they heading toward a national uprising? Public officials describe the situation as ‘a powder keg on the verge of exploding’.

The Bazaar of Crooked Faces

The ruling elites feign control of the polarization. President Obama engages in impotent rhetorical appeals that impress nobody.
Corruption, deception and betrayal in high places are so rampant that mutual impunity has become the badge of collegiality. The most active citizens deny the legitimacy of all politicians, dismissing them as ‘all corrupt’.
The electoral system is a gigantic bazaar of crooked smiles, raucous inanities and vacuous promises . . . broken before they’re spoken.
If the courts, electoral process and police state act as a triumvirate beyond the reach of the vast majority of American citizens, then the people will turn to other methods and voices to challenge and change this tyranny of the elite.

The Power Keg is within the US

The US public has suffered two decades of declining living standard and instability, while the elite accumulated an immense concentration of wealth, privilege and power. The passive wait and patience are ending - promises of a better future fall on stone deaf ears and smiling inanities are met with grim faces.
The first sign of ‘the powder keg’ started with a loud fire- cracker. The young and hopeful had turned to support an in-house ‘democratic socialist’ and out-house ‘nationalist patriot’. The ‘crackers’ snapped, crackled and died! Promising to bring his supporters into the Democratic corral, Sanders melted in the carnal embrace of the ‘queen of chaos’, the candidate of decades of deceit and deception. Meanwhile, Trump’s working class patriots were turning into doormen for the bankers, Bible thumpers and Republican hucksters.
The electoral charade has failed to dampen the powder keg. There are too many fires burning across the land and too many resolute arsonists lighting the fuse.

The False Prophets of Justice: Unmasked

Unlike the electoral ‘explosion’ sputtering amid the voters’ rancor, black and brown communities do not take marching orders from the political con artists, judges and police chiefs. They do not follow the false prophets of electoral politics. Growing numbers are taking to the streets to fight back.
For the past eight years, President Obama has devastated black neighborhoods and schools, unleashing highly militarized police state forces while praising the black political officials (the ‘mis-leaders’) and black police who participate in terrorizing black communities. It is no surprise that the heightened social polarization has spread and deepened in the black neighborhoods. We are taken back to the 1960’s and 70’s when racial violence emanating down from the Office of the President to the courts to the police provoked reciprocal violence from the bottom upward to the elite.

The Lit Fuse

The revolt begins with the Afro-Americans and will spread to the Latino-Americans and beyond among the downwardly mobile white workers. The growing white working class revolt against the kleptocrat Clinton Dynasty has spread to encompass the popular rebellion against ‘the burn’ of renegade fake socialist ‘Bernie’ and the rest of the billionaire owned political system. The political rebellion is taking part throughout the American heartland.
A majority of Americans are polarized because they are denied basic stability in their everyday lives. They look back at their lost living standards and look forward to a grim and unacceptable future - especially for their youth and children.
America’s rebellion has diverse detonators: the plutocratic economy, the kleptocratic electoral system and the dehumanizing militarized police state.
The kleptocratic electoral system has brought together the greatest number of hostile voices reaching across racial lines and penetrating deeply within class divides.
The police-race polarization is most immediate and explosive. It is most likely to result in direct action.
The downwardly mobile white working class is the largest rebellious group, but has been the slowest to develop a class-consciousness and organize. Nevertheless, they have the greatest potential to overturn the system.
The disenchanted electoral rebels (the Bernie-supporters) are numerous and quick to act, but they are also the most easily deceived by political charlatans and con-artists.

Conclusion

The confluence of militant blacks, activist voters and downwardly mobile whites is
only at the beginning of the great uprising. As yet, they do not ’see each other’ in life, work, neighborhood or language, even as they share a profound common hostility to the police state tasked with protecting the political-economic elite.
Under what circumstances can they come together? At present there is no organization capable of unifying these dynamic and critical forces.
Spontaneous groups have emerged but they are transient and ’single issue’.
Community-based organizations have their limited strategic vision and remain rooted in localities.
Alternative political parties and personalities have promise but are engage in electoral politics divorced from direct action, whether it involves the police, the courts or the economic system.
A ‘charismatic leader’ could emerge and bridge the different constituencies - downwardly mobile workers, militant blacks and politically disenfranchised activists may merge at some point around such a leader. But unless ‘the leader’ is harnessed to a powerful organized movement and directed by activist communities the threat of betrayal remains a real possibility.
We live in a time when the existing system is rotten and collapsing and when mass disaffection is growing. However, this is also a period when the ‘alternatives’ appear remote and intangible.
What is abundantly clear is that mere collapse and decay will not by itself bring about a mass popular rebellion to build a just society.

http://petras.lahaine.org/?p=2093


mercoledì 24 agosto 2016

LA CLASSE OPERAIA DI MARCINELLE NON HA NAZIONE, di Dante Lepore

COME I CAPORALI DE GASPERI E IL VATICANO ISTITUIRONO 
LA PRIMA TRATTA DI SCHIAVI PER LA RICONVERSIONE POSTBELLICA

Il messaggio elusivo inviato dal presidente della Repubblica Mattarella in occasione del 60° anniversario della tragedia di Marcinelle è riassuntivo di tutti i belati rievocativi degli altri politici italiani: «Sessanta anni fa, egli afferma, l’8 agosto del 1956, lavoratori di dodici diverse nazionalità, tra cui 136 italiani, persero la vita nelle profondità della terra al Bois du Cazier. La tragedia costituì uno dei più sanguinosi incidenti sul lavoro della storia italiana ed europea. Una tragedia assurta a simbolo delle sofferenze, del coraggio e dell’abnegazione dei nostri concittadini che lottavano – attraverso il duro lavoro – per risollevare se stessi e le loro famiglie dalla devastazione del secondo conflitto mondiale». Giorgia Meloni è stata ancora più originale: «Marcinelle rappresenta un luogo altamente simbolico per la memoria dell’Italia che ci fa riflettere su valori assoluti e irrinunciabili come la nostra identità nazionale».
Mattarella, la Meloni e consorti ci consentano di ricordare loro che i morti operai, limitatamente al disastro del Bois du Cazier di Marcinelle citati, omettendo gli «altri» non italiani, furono 262, quasi il doppio. Lo ricordiamo per un semplice principio, che la classe operaia non ha nazione, come dimostra proprio Marcinelle. L’altra metà si divideva infatti in altre 11 nazionalità, 95 belgi, 8 polacchi, 6 francesi, 6 greci, 5 tedeschi, 2 ungheresi, 1 inglese, 1 olandese, 1 russo e 1 ucraino. Dall’8 al 23 agosto durarono i tentativi di salvataggio. Il 23 agosto la conclusione: i restanti erano «tutti morti» per le esalazioni del gas! Si è messo a suo tempo sotto accusa la mancanza di maschere antigas, ma di fatto il suo utilizzo non era possibile con il caldo eccessivo né con la posizione obbligata a cui i lavoratori erano forzati nelle parti più basse del fondo, per cui molti non avrebbero potuto usarla, preferendo il fazzoletto intorno alla bocca.
Né si può perdonare ai politici e politicanti nazionali di dare a bere al popolo ignorante che quello di Marcinelle fosse un tragico incidente casuale, imprevedibile, se tra il 1946 e il 1963 più di 800 lavoratori italiani erano già morti in una notevole quantità di tragedie analoghe, ossia a partire da dieci anni prima di Marcinelle e a seguire. L’11 maggio 1950 erano morti 40 lavoratori a Trazegnies, di cui 3 italiani. Il 21 settembre 1951 ancora 7 morti a Quaregnon: 1 belga e 6 italiani. A marzo 1952 entrarono in sciopero i minatori del Borinage e di Charleroi contro le condizioni di lavoro e la mancanza di misure di sicurezza. Tre mesi dopo, due incidenti presso il bacino di Charleroi in cui persero la vita10 minatori tra cui 6 italiani. Il 22 novembre, ancora 2 morti presso Nense. Alla fine dell’anno, su 40.604 lavoratori italiani impiegati ne risultavano deceduti ben 75, l’anno successivo si raggiunse la cifra di 99 morti. Solo dopo questa sequela di «incidenti» e relative proteste e sospensioni di partenze, si arrivò ad una Commissione d’Inchiesta che, dopo 15 mesi, non perveniva ad alcuna conclusione, tranne… un Libro Verde (1955) in cui si dimostrava come le autorità belghe non avevano permesso di controllare i sistemi di lavoro e di prevenzione degli infortuni. Solo dopo la conferenza della CECA (Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio), nel marzo 1957, si perviene ad alcune misure di sicurezza del lavoro nelle miniere, tra cui l’uso «obbligatorio» delle maschere antigas. Fu così che il 1° ottobre del 1959 il Tribunale di Charleroi mandò tutti assolti gli imputati della catastrofe. Alla fine del 1959, l’Italia firma con il Belgio un ennesimo protocollo di intesa con nuove garanzie, ma ormai l’industria estrattiva belga si indirizzava altrove per manodopera supposta più disponibile e meno pretenziosa. Nelle miniere già predominavano greci, turchi e marocchini.
Le celebrazioni dell’anniversario di questa, né prima né ultima, tragedia delle miniere di tutto il mondo, sono state un’ennesima fiera di luoghi comuni sul vanto retorico del lavoro italiano nel mondo, sul cliché dello spirito di sacrificio che i nostri connazionali porterebbero all’estero con la loro proverbiale (e …libera!) voglia di lavorare, a costo di qualunque privazione, per il riscatto dalla devastante rovina della guerra, allora visibile ancora nelle strade. Dal presidente della Repubblica Mattarella a quello del senato Grasso alla presidente della camera Boldrini al presidente del consiglio Renzi e ai vari politici e sindacalisti, si è palesato un distratto, unanime e scialbo coro di orgoglio nazionalista, tutti a concludere sui passi avanti fatti da allora in termini di sicurezza sul lavoro (che, oltre tutto, è un falso palese, stante l’aumento delle morti bianche e dei suicidi per lavoro e anche degli incidenti gravi sul genere della collisione dei due treni a binario unico tra Andria e Corato, senza contare anche qui i precedenti). Nessuno che abbia ricordato cosa ci fosse dietro quella tragedia: l’accordo così detto «braccia-carbone». Il 23 giugno 1946, Alcide De Gasperi ne firmò il protocollo d’intesa col Belgio, che incrementò ulteriormente l’emigrazione degli italiani in modo massiccio nelle miniere del colonialista re Baldovino. Infatti l’emigrazione italiana in Belgio era già un fatto fin dall’800 e già il 12 febbraio, prima del protocollo di giugno, si era avuto un primo «convoglio» da Milano, quando ancora si faceva credere agli italiani di essere assunti come muratori o manovali, non a lavorare nelle viscere della terra, né che sarebbero andati ad alloggiare nelle baracche dei prigionieri di guerra russi e tedeschi.
La storica belga, di origine italiana, Anne Morelli definisce questo genere di tratta, operata dal governo italiano in funzione, secondo noi, di caporalato, come una «deportazione» vera e propria : «il n’y a rien à fêter. Cette immigration, c’est un arrachement, un déchirement, c’est une obligation, une déportation. C’est un mot choquant, car on pense tout de suite à la déportation juive et aux camps d’extermination, mais au sens premier, déportation, ça veut dire vivre loin de chez soi. Pour tous ces gens qui, en 1946, prennent la route, à cause de la misère, et aussi d’une certaine forme d’oppression politique qui régnait en Belgique» . In questa forma piuttosto energica di reclutamento, la coercizione economica che induce quelli che decidono di partire per sfuggire alla miseria e alla disoccupazione a scendere nel sottosuolo con l’obbligo di rispettare la durata minima contrattuale di un anno, sotto pena addirittura della detenzione prima del rimpatrio, e il mancato rinnovo del passaporto oltre all’impossibilità di cambiare lavoro prima di aver trascorso in miniera almeno cinque anni, è resa palese con la detenzione come sanzione penale. Un contratto capestro di lavoro coatto, dunque, col quale tra i due governi usciti dalla guerra imperialista si assicurava un’intesa che considerava i lavoratori, già carne da macello in guerra, come obbligati a lavorare senza potersene liberamente andare via, come invece dovrebbe essere il lavoro salariato, libero rispetto alla schiavitù comunemente intesa, come privazione di libertà individuale. L’obbligo di rispettare la durata minima contrattuale di un anno, sotto pena addirittura della detenzione prima del rimpatrio, e il mancato rinnovo del passaporto oltre all’impossibilità di cambiare lavoro prima di aver trascorso in miniera almeno cinque anni, denotano tutti insieme un rapporto di schiavitù moderna con l’intermediazione del governo italiano.
Alla fine della seconda guerra mondiale, a sua volta, il Belgio, ricco da sempre di materie pri-me, pur avendo esaurito le scorte, dovette dimezzare la produzione del carbone, non certo per carenza di manodopera, che anzi c’era in sovrabbondanza, dato l’alto livello di disoccupazione per via della riconversione dalla produzione bellica a quella di pace, però gli operai belgi si rifiutavano di lavorare nelle miniere, lavoro pesante e mal retribuito, a cui fino a quel momento erano stati destinati e costretti a loro volta i prigionieri di guerra. Così, dei 137.000 minatori del 1940, ne restavano solo 88.000 nel 1945. Ciò indusse il governo belga a sottoscrivere, il 23 giugno 1946, col governo italiano di unità nazionale di Alcide de Gasperi, quel mai noto abbastanza protocollo d’intesa per la partenza di 50.000 lavoratori migranti con età non superiore a 35 anni, «a gruppi di 2.000 a settimana in cambio della fornitura annuale all’Italia di un quantitativo di carbone compreso tra i due o tre milioni di tonnellate, a prezzo preferenziale».
Nel 1946 decine di migliaia di italiani vennero assunti per lavorare nei cinque bacini carboniferi belgi (Borinage, Centre, Charleroi, Liège, Campine). Alla fine del 1947, nelle miniere lavoravano circa 30.000 italiani (con una presenza totale di oltre 84.000 italiani, quasi un quarto della popolazione straniera in Belgio), al termine dell’anno successivo essi risultavano 46.120. Alla fine del 1948 nelle miniere lavorano quasi 77mila cui si aggiunsero mogli e figli. Andando avanti, nel 1957, su 151.898 lavoratori nei bacini carboniferi belgi, 45.819 erano italiani. Tra il 1946 e il 1960 ben 230.000 italiani lavorarono nelle miniere belghe. Dal 1946 al 1956 il numero degli italiani morti nelle miniere e in altri incidenti di lavoro sono stati circa 650. Secondo i dati in possesso delle Acli, tra il 1946 e il 1963 i lavoratori italiani morti in miniera furono 868 . Ecco il senso dell’espressione «braccia-carbone»! Il numero complessivo degli arrivi dall’Italia era prevedibile che aumentasse perché arrivarono appunto anche le famiglie dei lavoratori, mogli, figli, genitori. L’accordo da un lato prometteva parità di salario e trattamento pensionistico e sanitario ai minatori italiani e belgi (i quali in molti, come si è detto, rifiutavano le medesime condizioni come disumane) nonché il diritto agli assegni familiari per le famiglie, che rimanevano in Italia, dall’altro il governo di Bruxelles si impegnava a fornire a quello italiano carbone a basso costo. Paolo Di Stefano, scrittore e giornalista del Corriere della Sera nel suo libro La catastròfa definisce quell’accordo un patto «scellerato», ma evidentemente nella nostra classe politica nessuno legge libri sulle condizioni di vita e di lavoro di chi s’ammazza per mantenerla, oggi come allora, quando nelle città e nei paesi comparvero manifesti rosa notificanti il «reclutamento», promettendo lavoro e salario, progresso e benessere per l’Italia .
Oggi come allora, nessuna parola sui diritti dei lavoratori e sulle condizioni di lavoro. Non si richiedeva alcuna preparazione, soltanto una buona salute e un’età massima di 35 anni. Nel protocollo c’erano flagranti menzogne, condivise da entrambi i governi contraenti: vi si accennava ad alloggi «convenienti», tacendo sul fatto che erano costituite da cantine, baracche di legno e lamiera, già ex campi di prigionia. Nelle cantine c’erano i dormitori comuni, mentre le famiglie dormivano nelle baracche. I servizi igienici, come bagni e fontane, erano in comune e all’aperto, anche nell’inverno, che in Belgio è notoriamente rigido. Ovviamente, in queste condizioni la produzione balzò avanti passando dalle 75.000 tonnellate del mese di maggio 1946 alle 97.000 tonnellate del novembre 1948. Il lavoro era molto duro, in tre turni di 8 ore nella giornata, a partire dalle 6,00, dalle 14,00 e dalle 22,00. Le pause pranzo erano di 20 minuti. La paga era corrisposta in due tranche, il 10 e il 25 del mese, e per lo più si lavorava a cottimo, ossia secondo la quantità di carbone estratto. All’inizio degli anni ’50, il salario medio oscillava tra 220 e 350 franchi al giorno. Col cottimo si andava anche oltre 400 franchi. Le ferie poi venivano calcolate sulla base dei giorni lavorati nell’anno precedente con un massimo di appena 6 giorni all’anno nel 1948 poi di 12 e infine di 30, con l’intervento sindacale e delle ACLI. Molto importante il fatto che «À côté de la filière officielle de migration italienne, les milieux patronaux ont organisé une filière parallèle, ‘la filière vaticane, qui recrutait dans les paroisses du nord-est de l’Italie des gens doux, gentils et fiables pour éviter d’avoir des subversifs. Ceux-là étaient les premiers à tenter de fuir l’Italie, et de trouver du travail parce qu’on leur refusait du travail en Italie étant donné leur implication dans des mouvements sociaux’». I sindacati belgi, da bravi servi dell’imperialismo, invece di lottare per la parificazione dei trattamenti salariali e normativi per locali e stranieri, tentarono di bloccare il flusso di ma-nodopera straniera a preferenza dei lavoratori nazionali che però rifiutarono le sollecitazioni in tal senso del governo, sicché nel 1951 questo autorizzò ancora altri contingenti di immigrati italiani, anche per rianimare il turn over con coloro che avevano maturato i cinque anni di lavoro obbligatorio, ottenendo il cosiddetto permesso di lavoro «A», che in teoria consentiva loro di spostarsi in altri settori come l’edilizia e l’industria, ma in pratica li costringeva a conti-nuare il lavoro nei bacini carboniferi per via che altri sbocchi lavorativi non esistevano. I minatori belgi del resto qualche privilegio riuscirono a mantenerlo, essendo in maggioranza tra i pochi a lavorare il carbone in superficie (lavaggio, separazione dai minerali di scarto e divisione nelle varie categorie di uso). L’attività principale si svolgeva a volte anche a oltre mille metri nel sottosuolo, con varie tecniche, dal martello perforatore pneumatico alle cariche esplosive, e con nastri trasportatori meccanici. Solo il telefono per comunicare. Naturalmente la questione delle misure di sicurezza non è mai un problema di optional per il capitalismo, dal momento che lavorando a cottimo si costringe il lavoratore a risparmiare sulle misure di sicurezza, per risparmiare tempo e usarlo tutto per la produttività, si evitava di «sprecare tempo» a puntellare, per poi vedere franare il terreno o mancare l’aria per mancanza di misure volte a distribuirla su grandi distanze, o produrre allagamenti o scoppi del grisou o appunto incendi come quello del Bois du Crazier.
Nessuno dei commemoranti odierni di quella tragedia del sottosuolo osa nominare i termini di quell’accordo, a maggior ragione ignora di svelare di che lacrime (e sangue!) esso trasudi, ad esempio l’obbligo di rispettare la durata minima contrattuale di un anno, sotto pena addirittura della detenzione prima del rimpatrio, e il mancato rinnovo del passaporto oltre all’impossibilità di cambiare lavoro prima di aver trascorso in miniera almeno cinque anni.
Né si fa alcun cenno alle note anche a quell’epoca così dette malattie professionali, come la silicosi non a caso definita come la «malattia del minatore», ma anche altre forme patologiche come l’enfisema, bronchite, tubercolosi, artrosi, senza contare i danni all’udito per i rumori dei perforatori e della dinamite e le febbri da sbalzi di temperatura.
Bibliografia (a cura di M. Strazza)
FRANCIOSI M. L. (a cura di), …per un sacco di carbone, Bruxelles, Ed. Acli Belgio, 1996
AUBERT R., L’immigration italienne en Belgique, Bruxelles, Istituto Italiano di Cultura, 1985
BERTI S., RENZI E., …e siamo dovuti andare sottoterra a lavorare…I sammarinesi nei bacini carboniferi del Belgio 1946-1960, Repubblica di San Marino, Centro Studi Permanente sulla emigrazione, Edizioni del Titano, 1999.
CAMERA DEI DEPUTATI, ATTI PARLAMENTARI, DISCUSSIONI, Seduta del 4 ottobre 1956, Roma, Tipografia della Camera dei Deputati, 1957
CAPUTO M., L’ultima giornata d’attesa fu la più straziante, in “Corriere della Sera”, 24 agosto 1956
MINISTERO AFFARI ESTERI, Marcinelle Cinquant’anni dopo, Sansepolcro (Ar), Graficonsul, 2006
ROSSINI D., L’altra Marcinelle dalle grandi tragedie sul lavoro alla lunga catena di vittime della silicosi, Liège, Ed. Patronato Acli Belgio, 2006.
RUBATTU A., La baracca, 50 anni di Acli in Belgio, Bruxelles, Editrice Acli Belgio, 2005
STRAZZA M., L’emigrazione lucana in Belgio negli anni Cinquanta, in AA.VV., Quando credevamo di poter rifare il mondo. Gli anni Cinquanta in Basilicata, Rionero (Pz), Calice Ed., 2007

martedì 23 agosto 2016

La nuova ‘’santa e nera’’ trinità: CIA, neofascismo e mafia, di Stefano Zecchinelli


L’imperialismo nord-americano, terminata la Seconda Guerra Mondiale, utilizzò la malavita organizzata – a partire dalla mafia siciliana – come ‘’gendarme’’ con lo scopo di militarizzare ciò che, da lì a poco, sarebbe diventata una portaerei statunitense sul bacino del Mediterrano.

La trattativa Stato/mafia nacque durante la dittatura fascista – l’architetto di questa alleanza fu il boss mafioso, ed amico personale di Benito Mussolini, Vito Genovese – e venne ripristinata nel dopoguerra. Il padrone non indossava più la camicia nera ma parlava – tutt’oggi continua a parlare in modo menzognero – di ‘’libertà a stelle e strisce’’, ciò nonostante fascismo ed imperialismo Usa convergono nella comune volontà d’annichilire, a spregio del costituzionalismo democratico, i movimenti popolari egemonizzati dal Partito comunista. La triplice alleanza (a) imperialismo statunitense, (b) neofascismo, (c) mafia siciliana si consolidò su queste basi: ideologiche e politiche.

Il Dossier Casarrubea documenta con estremo rigore come ‘’Gli assalti alle sedi comuniste e alle Camere del lavoro iniziano il 18 giugno ’47 in Calabria, per poi dilagare nella provincia di Palermo con gli esiti stragistici del 22 giugno. Il rapporto Sis del 25 giugno ’47, infatti, afferma che “la banda Giuliano ha ramificazioni in ogni centro della Calabria, della Sicilia e della Campania’’’’ 1. Lo storico Giuseppe Casarrubea, dopo anni d’impegnative ricerche, arriva a questa eloquente conclusione: ‘’In sintesi, i rapporti britannici (inaccessibili fino a un anno fa) ci dicono che i mandanti delle stragi siciliane del maggio - giugno ’47 sono da ricercare nel governo degli Stati Uniti d’America, presieduto dall’aprile ‘45 da Harry Truman’’. Domanda: possiamo considerare gli statunitensi – al pari dei nazifascisti – dei criminali di guerra ? Fargli degli ulteriori sconti è del tutto controproducente ai fini della, libera ed indipendente, ricerca storica.

Ma qual è stato il vero motivo che ha spinto i neofascisti a trasformarsi nel braccio armato – almeno per quanto riguarda l’Italia –  degli Usa ? Il memorandum redatto dal Fronte Nazionale dell’ex comandante della X Mas, Junio Valerio Borghese, documento intitolato ‘’Italia 1969’’ e diviso in due parti - “La situazione interna” (sei paragrafi) e “L’enigma internazionale” (quattro paragrafi) – ci offre una spiegazione davvero inoppugnabile: ‘’In sintesi, il nemico da battere è il comunismo, rappresentato in Italia dal Pci. Il sistema dei partiti del centro-sinistra, guidato dalla Dc, non è più in grado di far fronte al partito di Longo. L’ingresso del Pci nel governo è solo questione di tempo. La Dc non ce la fa ad “erigere una barriera contro i comunisti”. La stessa Costituzione del 1948 è nata sotto l’egida di Umberto Terracini, un comunista, mentre i concetti di “progresso e democrazia” sono associati ormai “al pensiero e ai metodi della sinistra”’’ 2. Junio Valerio Borghese, criminale di guerra, in nome di una ideologia retrograda ed ‘’aristocratica’’ – un mix di mussolinismo, servilismo atlantico ( compresa la genuflessione ad Israele ) e cattolicesimo reazionario – s’affrettò ad offrire i suoi loschi servigi a Washington. I picciotti della mafia gli andarono dietro come tanti topolini.

Il boss Antonino Calderone, poi diventato collaboratore di giustizia, nel 1986, a Nizza, spiegò bene il modo attraverso cui Borghese regolò i suoi rapporti con la mafia:

‘’Mentre Liggio si nascondeva a Catania, ricevette la visita di due capi dello spessore di Salvatore Greco e Tommaso Buscetta dovevano discutere della partecipazione della mafia a un colpo di Stato, il cosiddetto Golpe Borghese si trattava di aderire ad un golpe militare che sarebbe partito da Roma e il ruolo della mafia era di partecipare alle operazioni in Sicilia. Al momento stabilito, i mafiosi dovevano accompagnare nelle diverse prefetture della Sicilia, un personaggio che si sarebbe sostituito al prefetto. Il tramite con i golpisti era un mafioso palermitano un certo Carlo Morana un tipo un po’ pazzo molto amico di Giuseppe Di Cristina. Si concluse di aderire al colpo di Stato. Mio fratello Giuseppe andò a Roma per incontrare il principe Valerio Borghese. Questi disse a mio fratello che voleva degli uomini per occupare le prefetture siciliane e imporre nuovi prefetti e se qualcuno avesse fatto resistenza lo avrebbero dovuto immediatamente arrestare Pippo ascolta pazientemente ma quando il principe arriva a parlare degli arresti ebbe un sussulto. Giuseppe replica scandalizzato che noi mafiosi non ci mettiamo a fare arresti che cose di polizia non le facciamo noi non arrestiamo nessuno Se dobbiamo ammazzare qualcuno va bene, ma servizi di polizia non se ne fanno. Valerio Borghese convenne che gli uomini d’onore non avrebbero fatto arresti avrebbero appoggiato le azioni di forza necessarie, affiancando i giovani fascisti catanesi, palermitani e di altre città , che già  sapevano cosa dovevano fare’’ 3

Il boia della X Mas aveva offerto ai clan di Cosa Nostra, dai Riina fino alle famiglie Badalamenti e Greco, la revisione del Processo Rimi oltre ad una inaspettata ‘’carta bianca’’ sulle molteplici attività criminali degli ‘’uomini d’onore’’. I picciotti agli ordini di Stefano Bontate e Totò Riina avrebbero continuato a gestire i traffici d’eroina nella ‘’Palermo nera’’, mentre le squadracce del ‘’comandante’’ ripulivano i quartieri dagli attivisti democratici e socialisti. Il golpe Borghese fu bloccato – non tutte le fazioni della borghesia italiana erano favorevoli ad instaurare una dittatura militare ‘’alla greca’’ – ma gli affari per Cosa Nostra andarono avanti, anche in piena ‘’democrazia borghese’’: ‘’I sequestri della polvere bianca nel mondo, aumentano di oltre 6 volte e mezzo tra il 1974 e il 1982, periodo in cui Cosa Nostra assunse il controllo del traffico. Nel corso degli anni ’70 esplose il fenomeno della “Pizza Connection“, anche se la sua definitiva consacrazione avvenne negli Stati Uniti intorno alla metà del decennio seguente. Decine e decine di pizzerie aprirono i battenti nella East Cost americana, tutte controllate da siciliani, e costituivano i centri della distribuzione e raffinazione dell’eroina. Una rete capillare che secondo dati ufficiali del 1982, consentì ai mafiosi di origine sicula di gestire il controllo della raffinazione, spedizione e distribuzione di circa l’80% dell’eroina consumata nel nord est degli USA. Il guadagno di una simile macchina di morte, si aggirava nell’ordine di centinaia di milioni di dollari, consentendo a Cosa Nostra di diventare da metà degli anni ’70, potente come mai in passato’’ 4.

La stessa ‘ndrangheta calabrese mise a disposizione di Borghese, nel ’70, ben 4.000 uomini; la malavita organizzata, grazie all’alleanza coi neofascisti ed alla copertura degli Usa, divenne una, vera e propria, potenza militare. I killers vennero organizzati in decine e le decine comandante dai capidecina i quali sono le colonne che, come gli studiosi del fenomeno malavitoso sanno, reggono la cupola oppure mandamento. Riina iniziò come soldato – sotto Luciano Liggio ed il vecchio boss Michele Navarra – e, dal 1982 in poi, sedette ai vertici della più conosciuta organizzazione criminale europea comandando ‘’tutti’’: dai ‘’capi famiglia’’ ai politici corrotti. Domanda: possiamo considerare la mafia un ‘’esercito segreto – ma quanto segreto ? – della NATO’’ interno all’Operazione Gladio, assolutamente complementare al neofascismo ? Lo stragismo mafioso è identico a quello neonazi: la cattolicissima Cosa Nostra si sposa coi militari in camicia nera, un matrimonio perfetto all’insegna dell’odio per la classe lavoratrice; collabora coi teppisti d’estrema destra ed organizza addirittura un golpe militare sotto la duplice insegna del DUCE e della CIA.

L’imperialismo statunitense, ancora prima che la Seconda Guerra Imperialistica Mondiale giunse al termine, iniziò un processo di (ri)colonizzazione del ‘’nostro’’ paese, calpestando i morti della Resistenza antifascista. La mafia col culto dei santini, le donnine ed il pugno di ferro anti-popolare, s’è rivelata una perfetta arma per il controllo sociale. Domanda: ai lavoratori quanto saranno costate le raccomandazioni al ‘’padre eterno’’ ( che di eterno ha ben poco ) di Bernardo Provenzano ? Un prezzo un po’ troppo salato per continuare a pregare.

1.


2.


3.


4.




Stefano Zecchinelli