domenica 30 novembre 2014

Il neofascismo è il perenne preservativo di Washington, di Stefano Zecchinelli



1. Data la confusione riguardante i dibattiti controversi 'Putin/neofascismo' e soprattutto 'Putin/Sionismo' ( che di certo è la questione più spinosa ) è bene cercare di dare dati concreti su cui riflettere con serietà ed analiticità. Parto dalla seconda questione e dico subito che la politica estera della Russia deve essere interpretata, in rapporto alla questione Sionismo, in questo modo ( almeno credo, le linee interpretative sono sempre soggettive ).

(1) La compressione delle strutture - sarebbe il caso di dire: la distruzione di tali organismi di potere - della lobby sionista russa, quindi distruzione dello Zionist Power in Russia. ( punto primo )

(2) Gli accordi con il sionismo israeliano, quindi la posizione moderata di Putin sulle questioni Medio Orientali ( secondo punto )

In modo argomentato spiegherò queste due problematiche. Sarò sintetico e chiaro nello stesso tempo.

Possiamo intuire che gli accordi Putin/Israele sono da intendersi come accordi con l'entità statuale israeliana più che come un mollezza verso il 'sionismo colonialista' ( in questo caso uso questa categoria ). La Russia, del resto, deve mantenere una posizioni defilata da un punto di vista geopolitico mirando alla armonizzazione dei rapporti fra gli Stati nella regione. Da qui l'appoggio all'ANP del moderato neo-liberista Abu Mazen.

Due note sono doverose e possono spingerci avanti nella comprensione dell’argomento:

(1) Il sionismo è una ideologia pan-imperialistica ( e suprematista ) mondiale dominante in Israele ma anche mondo diffusa negli Usa ed in Europa soprattutto in Francia. Israele è una parte importantissima del sionismo – in primo luogo quello militarista - ma l'articolazione dello Zionist Power ci fa capire che il vero potere della borghesia ebraica sta in occidente in cui risiedono i centri della finanza mondiale. La stessa Russia ha una oligarchia anti-nazionale fortemente perforata da tale ideologia di estrema destra. Non è sufficiente ancora la mia spiegazione ed allora chiarisco meglio, aggiungendo altri spunti di riflessione.

Questo dualismo ( sionismo israeliano/ sionismo internazionale ) seppur complementare, ha messo Putin nelle condizioni propizie per condurre una vera e propria guerra contro il sionismo dentro il suo paese ( il sionismo russo, per capirci ), distruggendo le carriere di alcuni oligarchi della borghesia ebraica.

Putin esce dalla Russia ? Il suo atteggiamento cambia ma, tale schizofrenia, è apparente e chi ha ben inteso la mia breve analisi la spiegazione ora la trova da sé e credo anche in modo molto agevole. Vado avanti.

(2) La Russia non è antimperialista ma multipolarista, quindi mira alla creazione di un blocco capitalistico alternativo. La guerra degli Usa alla Russia è nell'ordine delle cose. La violenza è endemica nelle elite dominanti Usa, e la borghesia statunitense ha riciclato l'antisovietismo con la russofobia.

Manuel Freytas ha scritto un ottimo articolo in cui ha spiegato tutto questo con documentazioni rigorose. Leggiamo uno stralcio in spagnolo:

'Desde allí Putin inició la purga y la cacería de los sionistas pro-Washington, cuyas representaciones más emblemáticas eran los mencionados oligarcas potentados Berezovksy y Mijaíl Jodorkovski, el dueño de Yukos, el gigante petrolero luego comprado y nacionalizada por el gobierno ruso en el 2004. El arresto de Jodorkovsky sacudió al mundo financiero de Europa y de Wall Street, y el sionismo mediático lanzó una ofensiva internacional para conseguir su liberación'.

http://www.aporrea.org/ddhh/a32807.html

I superficiali che danno giudizi frettolosi e poco seri dove mettono gli arresti di Berezovksy e Khodorjovksy oppure il mandato di cattura ( sacrosanto ! ) contro George Soros ? Gli antimperialisti, quindi, continueranno ad appoggiare la lotta di Putin contro le lobby sioniste e le loro strutture di disinformazione di potere. 

Passo adesso alla questione ‘neofascismo’.

E' recente la notizia che la Russia ha cercato di far passare all'ONU una risoluzione di condanna del fascismo, prontamente respinta da USA ed UE. Un po' strano accusare Putin di neofascismo, vero ? Una accusa strumentale, di certo è facile capire a chi fa comodo.

Completo l'attività controinformativa citando anche un articolo riportato da Contropiano

'Ma come, l’antifascismo e l’antinazismo, seppure di facciata e di maniera, non è patrimonio di quei governi che hanno partecipato alla sconfitta dell’Asse negli anni ’40, a costo di enormi sacrifici in termini di morti e distruzione? Evidentemente no. Ed in effetti l’asse Stati Uniti-Canada-Ucraina che hanno votato no con i paesi dell’Unione Europea che si sono astenuti evidenzia la scelta da parte dei blocchi occidentali di sdoganare il fascismo come nemico numero uno dell’umanità, rimpiazzandolo con un estremismo islamico prima impersonificato con Al Qaeda ed ora con il ben più pericoloso Stato Islamico. Con una buona dose di ipocrisia e doppiogiochismo, visto che come era avvenuto con i fascisti e i nazisti, anche i jihadisti vengono ampiamente utilizzati dai governi che li definiscono il ‘male assoluto’ contro i paesi nemici e i governi da destabilizzare in Medio Oriente'

http://ancorafischia.altervista.org/lonu-condanniamo-nazis…/

Tutto vero ciò che dice questo articolista e chi ha votato 'No' all'ONU, a quanto pare, non vuole vedere le SS di Pravy Sektor mostrare i simboli dell'ISIS ( ancora: 'terrorismo islamico' utile a chi ? ). Una ulteriore provocazione: chi ha parlato di ‘terrorismo islamico’ come giudica la presenza delle bandiere dell’ISIS alle manifestazioni razziste del Likud ( destra sionista ) contro gli immigrati in Israele ? Allora: adesso chi è il terrorista ? L’ideologia dominante è piena di paradossi, contraddizioni ed incoerenze.

Potrò sembrare un 'teorico dei complotti' ma l'accusa di 'neofascismo a Putin' mi sembra la classica operazione disinformativa da 'gioco degli specchi' tipica della CIA e del Mossad, maestri nella creazione di 'false flag'. Sono generico ma noi italiani, avendo avuto l'esperienza tragica della 'strategia della tensione’ interna ad una operazione della CIA che prende proprio il nome di Operazione Caos ( creare confusione attraverso movimenti eterodiretti ), ne sappiamo qualcosa quindi do spazio in questo caso al mio intuito supportato, come è ovvio, da riferimenti storici, documenti che indicano delle verità ma che ancora non inchiodano – come altre volte ho fatto – in modo definitivo l’imperialismo statunitense e le sue trame.

2. In occidente è iniziata una operazione di discredito contro il fronte chiamato, secondo il linguaggio dei geopoliticisti, 'eurasiatico' ed è bene con cascarci ma anzi studiare, documentarsi e promuovere una informazione degna di questo nome.

Parlano di finanziamenti di Putin ( tramite una fantomatica banca russa ) al FN della Le Pen. Le prove ? Nulla, niente di niente. Se ci sono documentazioni le mostrassero invece di pubblicare articoli molto vaghi in rete. Un giornalista serio non agisce così, sia chiaro.

In realtà molti ignorano che il GUD ( Groupe Union Defense ) di Frédéric Chatillon controlla il tesoro del partito della Le Pen. Ci dice il Sito Aurora:

'Ma cos’è il GUD oggi? Il GUD sostiene Pravij Sektor e la junta golpista, ed ospita iniziative a sostegno del battaglione di mercenari fascisti “Azov“, pagato dall’oligarca mafioso-sionista Kolomojskij. “Il GUD desidera esprimere sostegno a Pravij Sektor e al battaglione Azov. Infatti da nazionalista, il ratto nero (è il simbolo del GUD) ha sempre sostenuto coloro che combattono per l’indipendenza della propria terra, la libertà e il diritto di essere padrone in casa, come i palestinesi, IRA nordirlandese e la sovranità siriana del regime di Bashar al-Assad (Si ricordi di Mike Skillt), per citarne alcuni. In questo contesto, è naturale che il GUD sostenga l’iniziativa di Pravij Sektor e l’esercito ucraino che si battono per il diritto all’autodeterminazione dell’Ucraina contro l’interferenza dalle milizie terroristiche filo-russe'

https://aurorasito.wordpress.com/…/marine-lepen-e-amica-di…/

Un po' difficile per Madame Le Pen stare con la Russia e nel mentre appoggiare i golpisti atlantici di Kiev, che ne dite ? Inoltre il signor Kolomojskij, capitalista ebreo che coordina le bande naziste di Pravy Sektor, non avrà anche una certa influenza sulla lobby sionista francese a cui il FN si sta avvicinando come ho di recente dimostrato ? I conti, devo dire, che continuano a non tornarmi.

Due parole sulla Lega Nord italiana – organizzazione politica molto vicina al Fronte Nazionale francese – adesso sono doverose.

Alcuni sprovveduti marcano i viaggi di Salvini, leader della Lega Nord ( organizzazione politica razzista e sionista che mescola neoliberismo e neocorporativismo ) in Russia, dimenticando come questa organizzazione anticostituzionale sia un prodotto integrale del neoconservatorismo Usa e di Trasparency International.

La Lega Nord ha rapporti stretti con McCain ed il Partito repubblicano Usa, il quale partito, ha componenti interne che si rifanno esplicitamente al nazismo tedesco ed alla esperienza drammatica Usa del Ku Klux Klan ancora ampiamente rappresentato dentro questo partito golpista ed antidemocratico che minaccia, da sempre, la pace mondiale. Quindi da Lega non può che essere ideologicamente russofoba. Nessuno parla di questo ? Come si può tollerare la politica dei ‘due piedi in una scarpa’ unita alla ‘informazione’ sempre dei ‘due piedi in una scarpa’.

Salvini non ha fatto altro che raccogliere il malcontento della piccola borghesia sciovinista del nord Italia danneggiata per le sanzioni imperialistiche alla Russia. Da qui la sua buffonata e, con tutta sincerità, non credo che al Cremlino ci abbiano abboccato. Questo possono crederlo i pennivendoli di La Repubblica ma nessun giornalista serio si berrà mai questa bufala.

Faccio notare inoltre che nell’aprile 2012 l’esponente della Lega Nord Mario Borghezio invitò al Parlamento europeo Limonov, leader del Partito nazionalbolscevico russo che di bolscevico ha molto poco. Limonov è un agente della CIA, riconosciuto come tale dai servizi segreti russi ( basta fare una semplice ricerca in rete ), famoso per i suoi incontri con esponenti dei neocon statunitensi. Dunque, cosa dedurre: ci sono dei filorussi che se la fanno con gli uomini della CIA ? L’imperialismo, od almeno le sue teste pensanti, non soffrirà mica di disturbo bipolare ? Io credo che non bisogna scherzare e, piuttosto, mi chiedo come mai nessuno ricorda tutto questo. Direi che è grave fare tali rimozioni.

Per finire: parliamo dello stesso Mario Borghezio che ha vincolato la Lega ai neofascisti di CasaPound ? Credo che tutti sanno che CP è una organizzazione legata al malaffare dei palazzinari del centro Italia ed è ampiamente infiltrata dai servizi segreti italiani ( qualcuno ha giustamente parlato di CasaGladio, dal nome della famosa Operazione Gladio ). La stessa CP appoggia Pravy Sektor e le bande naziste in Ucraina. Una vera rete russofoba, sinofoba ed islamofoba. Dunque, cosa dire ? Solo degli sprovveduti potevano bersi queste notizie fasulle.

I piani degli Usa contro la Russia restano (1) l'integrazione neoliberista della Russia nel mercato mondiale tutto sotto lo stretto controllo della lobby sionista a cui appartengono autentici mafiosi come Roman Abramovich e Boris Berezovsky esiliati, come molti sanno, in Inghilterra, (2) la fine della Russia - ora come Stato indipendente e domani come potenza capitalistica autonomia - e della sua egemonia, egemonia contraddittoria e nazional-borghese ma sempre ostile al fronte occidentale il vero nemico dei popoli e dei lavoratori.

Questo progetto è golpista ed antidemocratico, quindi, la Russia deve essere difesa. Ne vale la democrazia nel versante medio-orientale ed orientale. Gli antimperialisti non posso che dichiararsi apertamente amici della Russia seppur ben altro Vladimir vorrebbero al Cremlino. E’ sempre bene, di questi tempi, fare chiarezza !

Non a caso, dice Freyras ( e completo definitivamente l’attività informativa ):

'Todas las "revoluciones de terciopelo" en aquella región sirvieron a los intereses financieros globales de Washington –representados por la Open Society de George Soros y la Fundación Nacional para la Democracia (NED) cuyos fondos provienen de la Agencia Internacional para el Desarrollo (USAID)- para fracturar y desmembrar las fronteras nacionales de sus más importantes rivales geoestratégicos: China, Rusia e India'.

Già, George Soros, finanziare e mafioso antirusso, è proprio un nome onnipresente. Chissà se non è stato lui ad orchestrare questa nuova campagna anti-Putin in Europa facendo passare in varie riviste online notizie fasulle e non provate ? Le vie dell'imperialismo sono infinite ed il neofascismo, a quanto pare, è il perenne preservativo di Washington. Riflettete !

S.Z.

sabato 22 novembre 2014

Il neofascismo come lustrascarpe degli Usa e di Israele, di Stefano Zecchinelli



Articolo pubblicato anche su: http://www.linterferenza.info/contributi/lestrema-destra-neofascista-manovalanza-degli-usa-e-di-israele/

dedicato ad Antonio Gramsci, Abram Leon, Roby Santucho

ed a tutti quelli che hanno perso la vita contro i fascismi

in Italia e nel mondo

Introduzione

Lo studioso del mondo islamico, Miguel Martinez, in un suo articolo non molto recente da me pescato su internet e letto con interesse - Un sondaggio sulle destre populiste europee – ha analizzato l’ampia adesione ai movimenti di estrema destra ( ed in parte anche neofascisti ) europei. Martinez sottolinea prima di tutto le assonanze ideologiche fra questi movimenti ed il pensiero occidentalista e razzista di Oriana Fallaci. Martinez parte da una ricerca della Open Society di Soros - finanziere e speculatore internazionale che conosce tali bande molto da vicino dato che ci collabora per colpi di Stato ed eversioni varie - ma nel suo studio non traccia analogie, almeno in modo diretto, fra il fascismo storico e l’attuale regime israeliano oppure fra il nazionalsocialismo tedesco e l’imperialismo nord-americano. Cerchiamo, quindi, in questa sede di ampliare lo studio e l’analisi partendo da alcuni cenni storici e poi soffermarci su alcuni particolari italiani e mondiali.

Che cos’è stato il fascismo storico ?

I regimi fascisti sono stati, senza mezzi termini, un paradiso per tutti i grandi borghesi dell’epoca. Erano dei regimi senza sindacati, senza libere associazioni dei lavoratori, senza comunisti e socialisti; insomma le imprese nazionali e multinazionali, potevano trattare i lavoratori come carne da macello. I marxisti individuarono il carattere populista di questo movimento che, in un momento di grande crisi, si proponeva di risolvere i problemi dei capitalismo dell’Europa centrale. In pratica, il fascismo, ha fatto una rivoluzione borghese e manageriale, una vera benedizione per le classi sfruttatrici e possidenti. Vediamo come il più lucido marxista classico del tempo, Leon Trotsky fondatore e capo dell’Armata Rossa, individua le radici populistiche ma anti-operaie del fascismo. Leggiamo l’articolo di Trotsky che è di grande importanza:

Il movimento fascista in Italia è stato un movimento spontaneo di larghe masse, con nuovi leader provenienti dalle sue file. E’ stato un movimento popolare alle origini, diretto e finanziato dai maggiori capitalisti. E’ nato tra la piccola borghesia, il sottoproletariato ed anche, per certi aspetti, dalle masse proletarie; Mussolini, un ex socialista, è un uomo ‘’che si è fatto da sé’’, un prodotto di questo movimento. ( Leon Trotsky, Scritti sull’Italia, Ed. Massari )

Lo studio di Trotsky è prezioso perché il Bronstein spiega come la destra mussoliniana ha tirato dalla sua parte vecchi settori aristocratici ma non è lontanamente paragonabile al movimento di Primo Rivera in Spagna. Il movimento di Mussolini è borghese, populistico, anti-marxista ed armato quindi terroristico e stragista proprio come il neofascismo dagli anni ’50 in poi. Il fascismo conduce una guerra civile contro la classe operaia, contro i socialisti ed i comunisti e ‘rivoluziona’ l’ordine borghese con chiare finalità imperialistiche. Trotsky descrisse la ferocia dell’imperialismo italiano e la sua pericolosità per i popoli coloniali. Il fascismo ha conteso all’imperialismo inglese il controllo delle colonie senza disdegnare umilianti compromessi ( ad esempio la rinuncia agli accordi commerciali con l’Irak ). Continuiamo a seguire la pagina del compagno di Lenin durante la Rivoluzione d’ottobre ( ovviamente Trotsky ):

Se Mussolini vincesse, ciò significherebbe un ulteriore rafforzamento del fascismo, il consolidamento dell’imperialismo e l’arretramento dei popoli coloniali in Africa e altrove. ( Ibidem )

La partita si giocava nei paesi coloniali: imperialismo inglese contro movimenti di liberazione nazionale; fascismo contro Stati indipendenti ed ora imperialismo Usa e sionismo contro la Resistenza del mondo arabo e dei popoli islamici. C’è un continuo che tiene insieme, come è chiaro, imperialismo occidentale e fascismo, come, del resto, imperialismo fascista ed i progetti dell’imperialismo israeliano oggi. Il dito è sempre puntato contro i popoli che abitano le periferie o quelle che Mao Tse Tung chiamava le ‘zone di tempesta’; capiamo perché le estreme destre oggi ( e gran parte dei neofascisti ) sono islamofobi. Le vie dell’imperialismo sono infinite. Bene, dopo questo approfondimento con tanto di collegamento alla realtà attuale, torniamo alla analisi del fascismo e spostiamoci in Germania, darò alcune informazioni poco conosciute.

Io devo dire che troppe poche persone sanno che gli Stati Uniti si misero in prima linea e fecero grandi affari con i nazisti; Henri Ford, infatti, divenne amico personale di Hitler che, per il suo settantacinquesimo compleanno, lo insignì della Gran Croce del Supremo Ordine dell’Aquila Tedesca, per l’impegno dell’industriale americano nel rafforzare l’esercito del Reich. Non vi basta ? Sappiate che molti capitalisti ebrei ( sionisti ) finanziarono il nazionalsocialismo e condivisero gli sproloqui della Società Thule, appoggiarono i macellai antisemiti per i loro interessi borghesi fregandosene della sorte degli operai ebrei colpevoli, a loro dire, di avere appoggiato la socialdemocrazia o il Bund. Il motto del capitalismo è: nulla di ciò che è disumano mi è estraneo.  Non c’è solo questo: il sionismo revisionista non si risparmiò in elogi verso il fascismo tedesco ( sto facendo una rapida carrellata ma il lettore può trovare molti libri su cui approfondire le cose che io dico ): Vladimir Jabotinsky, fondatore del Partito revisionista ebraico, elogiò il nazionalsocialismo, firmando nel 1933 un accordo, nel quale si associava la svastica e la Stella di Davide; tale accordo prevedeva una stretta collaborazione fra Gestapo e revisionismo ebraico per la colonizzazione della Palestina storica, terra in cui, ebrei non sionisti ed arabi vivevano in pace da secoli nel pieno rispetto reciproco. Nel 1934 Mussolini fece addestrare 134 militanti sionisti al servizio di Jabotinsky. E’ molto taciuto che il Mossad e le sue ramificazioni ( Shin Bet, Shabak e Mossad per l’appunto ) usa lo slogan dei nazionalisti europei degli anni trenta ‘’credere, obbedire e combattere!’’, cosa grave che andrebbe denunciata. Faccio altri esempi: nel 1941 il Lehi sionista entra nelle SS naziste; l’Irgun sionista ( da cui venne fuori Sharon ) era gemellato con il nazionalsocialismo tedesco; Begin, che divenne capo di Stato in Israele nel 1977, era un convinto fascista. La collaborazione fra la destra imperialistica ebraica ed il sionismo è costante e taciuta da tutti gli storici. Questo saggio vuole colpire la destra e le sue ramificazioni; Israele ed il suo portato storico va a bracciato con l’estrema destra ed il neofascismo. Non faccio pentoloni e da analista serio gli punto il dito contro.

I tecnici fascisti hanno dato una lezione all’imperialismo Usa proprio per ciò che inerisce la strutturazione dei servizi segreti. Il teorico marxista Daniel Guerin, il più rigoroso ( e preparato ) studioso del fascismo scriveva nella sua fondamentale opera ‘Fascismo e gran capitale’ queste cose:

‘’Infatti il fascismo ha portato al più alto grado di perfezionamento i metodi di repressione poliziesca in uno negli Stati moderno e ha trasformato la polizia politica in una vera e propria organizzazione scientifica. L’Ovra italiana e la Gestapo tedesca, veri Stati nello Stato, dispongono di ramificazioni in tutte le classi della società, di enormi risorse finanziarie e materiali e di un potere enorme, per cui sono in grado di annientare, letteralmente e sul nascere, ogni velleità d’opposizione che possa manifestarsi’’ (Daniel Guerin, Fascismo e gran capitale, Ed. Massari 1994).

Questo è ciò che scrisse Guerin nel 1935, molto bene. Per rigore di analisi metodica e per fare uno studio basato sulla comparatistica confrontiamo lo stralcio di Guerin con quello di un sociologo marxista contemporaneo: James Petras, il quale prende in esame la composizione della CIA statunitense. Leggiamo Petras e pensiamo a quello che scrisse in precedenza Guerin ( ricordo che Guerin e Petras sono sociologi marxisti entrambi non stalinisti ma di provenienza trotskista ). Vediamo cosa ne esce fuori:

‘’Il direttore della CIA, Tenant, è diventato il capro espiatorio consenziente di tali errori. Con il procedere delle inchieste, la testimonianza di autorevoli fonti del regime ha messo successivamente in luce l’esistenza di due diversi tipi di strategie politiche e di due diverse categorie di consiglieri: una struttura formale, composta di affermati professionisti del Pentagono e del Dipartimento di Stato; e una struttura parallela, composta da rappresentanti politici’’ (James Petras, Usa: padroni o servi del Sionismo?, Ed. Zambon 2007).

Io vorrei che si ragionasse sulle comuni analisi di Trotsky, Guerin e Petras, infatti questi tre militanti anticapitalisti hanno fatto emergere come, lo Stato borghese, di volta in volta, per la sua sopravvivenza modifica le soprastrutture ( politica, repressione, ideologia ) rendendola consona ad una economia sempre più incontrollabile ( negli anni ’30 l’inganno del corporativismo ed oggi il neoliberismo ). Lo Stato borghese moderno è, di per sé, totalitario ed uniformato agli interessi repressivi della potenza capitalistica maggiore: l’imperialismo statunitense. Da queste cose capiamo perché il neofascismo è stato, alla fine, un fenomeno stragista e provocatorio sul libro paga della CIA. Gli sbandati sopravvissuti dopo la fine del criminale regime mussoliniano ( più le altre varianti del fascismo: hitlerismo, franchismo e salazarismo ) dovevano agire sotto una mano forte che li proteggesse: chi meglio poteva fare questo se non gli Usa ? Petras, con molti libri ed articoli, coglie bene tutto questo e lo denuncia con coraggio.

Non è casuale che già l’OSS ( questa era la sigla dei servizi segreti statunitensi prima della CIA ) misero le basi per il Progetto Paperclip; questo progetto iniziò nei primi anni ’50 ( quindi in piena Guerra Fredda ) e consistette nel portare negli Usa, dai primi anni ’50 ai primi anni ’70, un consistente numero di scienziati tesserati col partito nazionalsocialista. Vediamo, allora, alcuni esempi concreti di collaborazione fra l’imperialismo nord-americano e, in questo caso, quello tedesco ( abbandono per un attimo l’analisi del fascismo italiano e parlo del nazismo ). Come vedremo alla fine, Israele, come potenza capitalistica ed imperialistica, ha subito usufruito di questi progetti yankee e portò dalla sua parte l’estrema destra mondiale ( il mio studio proverà a far emergere tutto questo ).

Usa – neofascismo: collaborazione su tutti i fronti

Ovviamente gli esempi di collaborazione sono molti ed eminenti. Mi soffermo, qui, soltanto su qualche episodio eloquente per poi arrivare al caso italiano oggetto principale ma non solo dell’articolo. Per chi volesse approfondire i testi non mancano, mentre in questa sede io mi limiterò a semplici cenni, l’oggetto dello studio è un altro.

(1) In Svezia, i britannici, eterodiressero 1.500 uomini delle Waffen SS, certamente in funzione anti-sovietica, sotto la guida del colonnello Osis. L’operazione fallì perché a Norimberga le Waffen SS furono definite una ‘’organizzazione criminale’’, quindi questi agenti furono trasferiti ad Amburgo, nella zona sotto il controllo inglese per poi essere arruolati dall’M16 nell’ Operazione Jungle. I migliori elementi furono mandati in Gran Bretagna e Stati Uniti.

(2) In Ucraina i vecchi banderisti assumono nuove vesti e nel momento opportuno si sono riattivati. Di recente ( 2004 ) la ‘’rivoluzione arancione’’ ha visto la partecipazione di formazioni ideologicamente neo-fasciste, una di queste è ‘’Nostra Ucraina’’ che ha unito il ‘’Congresso dei nazionalisti ucraini’’ e il ‘’Partito pan-ucraino’’. Si tratta di neo-nazisti pro-CIA,al pari dei nazionalisti croati e di quelli georgiani, una storia già vista e che è stata analizzata da molti giornalisti coraggiosi come Thierry Meyssan e sociologi preparati come lo stesso James Petras. Mi preme ricordare che, nel 2014, in Ucraina c’è stato un golpe di estrema destra appoggiato da forze filo-hitleriane le quali, però, non hanno avuto problemi a simpatizzare per Israele ( Settore Destro ha appoggiato gli squadroni della morte dell’IDF contro gli eroici combattenti palestinesi delle Brigate Al Qassam ). Altro elemento che deve spingerci a riflettere. Posso dire di aver messo le basi per introdurre il ‘caso Italia’.

(3) Il Movimento Sociale Italiano fu un contenitore di forze anti-comuniste e quindi un prezioso strumento della NATO. Oltre venti anni prima che Fini definì il fascismo ‘’male assoluto’’, il borghese Caradonna si recò in Israele volto a rendere omaggio alle vittime dell’olocausto. L’editore Ciarrapico pubblicò, nel 1970, ‘’Lo Stato ebraico’’ di Theodor Herzl, definito grande uomo di destra. E cosa dire degli elogi che Almirante fece a dittatori con simpatie hitleriane come Videla, Franco e Salazar ? Lo stesso si può dire della simpatia di Almirante per Pinochet e le dittature greca e turca. Non c’era un regime militare neoliberista che non godesse dell’appoggio congiunto di Israele e dell’estrema destra italiana.

Questa breve introduzione mi serve per prendere in esame il rapporto, in Italia, fra alcuni movimenti di estrema destra attuali e l’ideologia dei neocon Usa ed israeliani. Non mi soffermerò sui casi più rilevanti politicamente ma solo su quelli più esplicativi da un punto di vista culturale senza però tradire le promesse di approfondimento sopra fatte. Il saggio prende di mira principalmente l’estrema destra italiana ma, per meglio argomentare, farò anche vari esempi esteri ricorrendo a vari citazioni. Insomma, cerco di avere un ampio campo argomentativo sostenendo il rischio di essere dispersivo. Spero che non vada così ma l’argomento non è da tutti.

David Pipes, il ‘grande maestro dell’odio’ ed i suoi allievi italiani

 Partiamo da un comunicato non molto recente di Gaetano Saya del Partito nazionalista italiano e cerchiamo di delineare l’orientamento politico del soggetto in questione. Saya scrive:

Dio benedica George W. Bush
Dio benedica gli Stati Uniti d’America
Il male sceso tra noi trova in uomini come George Bush in America,
in uomini come Gaetano Saya in Italia, un baluardo inespugnabile.
Uomini timorati di Dio, uomini duri e puri che illuminati
per volontà Divina, sono scesi nella valle oscura della morte
per difendere la Fede Giudeo Cristiana e l’Occidente.
Il bene che questi uomini rappresentano sconfiggerà l’Anticristo.
Dio è con loro
Il male verrà ricacciato dagli inferi da cui è uscito.

Nelle parole di Saya ( che all’epoca fu portaborse del sionista Spadolini ) emerge l’ideologia neoconservatrice dello ‘scontro di civiltà’ ossia dello ‘scontro fra ignoranze’ per dirla con il grande Said. Interessante notare come Saya, da un lato, continua a difendere l’eredità storica del fascismo italiano come ostacolo alla Rivoluzione bolscevica e, dall’altra parte, rivendica un occidentalismo di marca statunitense.

Per inquadrare meglio la questione spostiamoci da Saya ai piani alti del grattacielo e vediamo come è stata elaborata la cultura della destra statunitense; negli anni ’80 il neo-conservatore Daniel Pipes si trasferirà a Filadelfia dove assunse la direzione dell’ Istituto di Politica Estera. Pubblicherà nel primo numero il manifesto di Strausz-Hupè:The Balance of Tomorrow, dove si legge:

‘’ L’Ordine mondiale che si profila , sarà quello dell’impero universale americano? Dovrà essere così, nella misura in cui recherà impresso il marchio dello spirito americano. L’ordine che si avvicina costituirà l’ultima tappa di una transizione storica e porrà fine al periodo rivoluzionario di questo secolo’’.

Cosa accumuna il pensiero di Pipes a quello dei neofascisti italiani ? Cerchiamo di fissare tre punti che, nel nostro caso, ci devono essere un po’ da bussola: (1) globalizzazione del modello socioeconomico occidentale, in questo caso, il neoliberismo ( nel caso fascista, evidentemente, era il corporativismo ); (2) supremazia della ‘razza bianca’; (3) eliminazione del concetto di sovranità nazionale, anticamera per facilitare la delocalizzazione dei capitali ( Usa o italiani che siano ).

Ma ecco che Saya cerca di mettersi una maschera ( come se non conoscessimo le sue reali posizioni ! ) prendendo le distanze dal nazionalismo italiano degli anni ’30:

‘’ Molti ci chiamano Fascisti, noi non siamo Fascisti; noi siamo la Destra, dura, pura e conservatore, Istituzionale e Costituzionale, Repubblicana e Democratica. In quest’ottica ci siamo schierati senza esitazioni ed incondizionatamente accanto agli Stati Uniti d’America e ad Israele ed insieme ai fratelli Americani e ai fratelli Ebrei ci siamo eretti a baluardo contro il male: il Terrorismo Islamico’’.

Quello che Saya chiama ‘terrorismo’ non è altro che un nobile movimento di Resistenza nazionale ( che chi scrive appoggia in pieno ) all’espansionismo imperialistico degli Usa e di Israele. Pipes, non a caso, parla di ‘complotto islamico e comunista’ contro il mondo occidentale guidando una guerra preventiva ideologica che anticipi e ponga le basi per la guerra vera e propria ( che dal 2001 in poi è partita e non accenna a fermarsi ), tutta statunitense, guerra ingiusta e di aggressione che sta attentando la sicurezza nel mondo intero oltre ad infliggere grandi perdite alla civiltà araba verso cui va tutto il nostro sostegno e la nostra ammirazione.

Io ho preso Pipes come ‘modello ideologico’, poi ho fatto un esempio politico ( Saya ), leggiamo ora il filosofo islamofobo italiano Marcello Veneziani:


Provo a dare una spiegazione: l’islam fanatico ha bisogno di un nemico per compattare i suoi credenti e richiamare sotto le bandiere feroci di Al Qaida i popoli che si ispirano ad Allah. L’America è stata finora il Nemico Principale, ma ora è caduto in sonno perché Obama non è Bush, e per i fanatici è importante che il Nemico abbia anche un volto e un nome. Al di là delle dicerie sulla sua matrice islamica, il colore della pelle e la provenienza etnica di Obama, e il suo legame più labile con Israele, lo rendono meno indigesto agli arabi e agli islamici tutti. Di conseguenza la Cristianità assurge a Nemico Simbolico, vista come la Religione dell’Occidente; di conseguenza le popolazioni arabe, egiziane, pachistane, sudanesi o egiziane che seguono la religione cristiana sono considerate traditrici. Intelligenza col Nemico, la cristianità come veicolo di occidentalizzazione (Marcello Veneziani, Non più Occidente, l’Islam adesso punta ai cristiani, da Centro-Destra, 4 gennaio 2011).

Eminenti giornalisti come Michel Chossudovsky ci hanno spiegato che Al Qaeda nasce in Afghanistan sulla spinta degli Usa contro l’Unione Sovietica ( altro che complotto comunista ), per poi essere riciclata contro la sinistra araba e l’Islam sciita il quale è di chiaro stampo antimperialista e simil-socialista ( ricordo che Nasrallah, il leader degli Hezbollah, viene dalla Gioventù Comunista Libanese ).

Veneziani snocciola almeno tre ‘non concetti’ che sono la spina dorsale del suo pensiero islamofobo. Disveliamoli: (1) il nemico principale dell’occidente ; (2) lo scontro di valori e di civiltà; (3) il male assoluto.

L’idea che ci sia un minaccia anti-occidentale nei termini di ‘nemico principale’, Veneziani, la mutua da Carl Schmitt. Ma cosa dice Schmitt ? Leggiamo:

Colui che è stato privato di ogni diritto cerca il suo diritto nell’inimicizia. In essa egli trova il senso del suo agire e il senso del diritto, dopo che si è rotto il guscio di protezione e di ubbidienza all’interno del quale aveva abituato fino a quel momento, dopo che si è dilacerato quel tessuto normativo della legalità dal quale poteva aspettarsi diritto e protezione giuridica ( Carl Schmitt, Teoria del partigiano, Ed. Adelphi 2005 ).

E poco più avanti:

E’ stata una grande disgrazia, perché con quelle limitazioni della guerra l’umanità europea era pervenuta a qualcosa di straordinario: la rinuncia alla criminalizzazione del nemico e dunque dell’inimicizia, la negazione dell’inimicizia assoluta. Ed è davvero qualcosa di straordinario, un segno di incredibile umanità portare gli uomini a rinunciare alla discriminazione e alla diffamazione dei loro nemici ( Ibidem ).

Quando Schmitt scriveva tutto ciò aveva come punto di riferimento gli Stati assoluti dell’ ‘800 e in particolare il nuovo ordine stabilito dal Congresso di Vienna. Il Nuovo Ordine Mondiale di Schmitt equivale ad una cooperazione fra Stati assoluti e colonialistici, ed infatti il suo discorso è stato ripreso, nei primi anni ’50, da un giovane teorico neo-conservatore, un certo Henri Kissinger ( insomma, uno che farà carriera ), il quale parlò, sempre ispirandosi al Congresso di Vienna, di ‘’equilibrio delle forze’’. Il Nuovo Ordine Mondiale di Kissinger non è altro che la globalizzazione della Dottrina Monroe, quindi il passaggio dallo slogan ‘’l’America agli americani’’ allo slogan ‘’il mondo agli americani’’. L’ideologia occidentale quindi ha un carattere messianico – carattere messianico mutuato dal calvinismo e dal revisionismo giudaico – e mira a far coincidere l’idea astratta di occidente con la religione cristiana. Seguendo il discorso dello statunitense Pipes e quello dell’italiano Veneziani, oggi, l’islamofobia, è il ponte che tiene uniti i neofascisti con le destre imperialiste statunitense ed israeliane. La mia affermazione è impegnativa ma voglio dimostrarla con altri argomenti.

L’islamofobia: l’antisemitismo del XXI secolo

Un certo Piero Puschiavo che scopro essere l’ideologo dell’organizzazione di estrema destra, La Destra, che fa capo al faccendiere mafioso Francesco Storace descrive in questo modo gli scontri avvenuti nel 2011 nella periferia di Londra.

Le violenze e le devastazioni, perpetrate dai giovani dei gruppi etnici allogeni (cittadini britannici o meno) dimostrano ancora una volta quello che noi abbiamo sempre sostenuto. Esse dimostrano che l’immigrazione di massa, il multiculturalismo e l’integrazionismo sono falliti e che enormi danni sono stati arrecati alla convivenza sociale, all’economia e alla sicurezza interna.Esse dimostrano che una società si può reggere unicamente sul senso comunitario derivante dalla comune identità etnica, linguistica e culturale dei propri cittadini. Esse dimostrano che il destino di una società multiculturale, che rinuncia all’identità in nome della libera circolazione della forza lavoro e del consumismo di massa, è la “guerra di tutti contro tutti” e il disfacimento finale. Esse dimostrano che lo Stato non può mostrarsi debole nei confronti di chi vive alle sue spalle e disprezza le sue leggi. Per questo motivo, ti porto la mia solidarietà e del movimento “Progetto Nazionale” che rappresento, per i fatti dolorosi che stanno colpendo la tua Patria.Come Nazionalisti Italiani, siamo vicini ai Nazionalisti Britannici, al British National Party e al popolo britannico.

Intanto segnalo che il British National Party è una organizzazione islamofoba che si sta avvicinando all’archeofuturismo francese, giusto per inquadrare le tendenze culturali. Il filo conduttore dell’estrema destra è sempre uno: l’islamofobia ( oltre all’anticomunismo, ma questo tutti noi lo sappiamo ). Ma adesso  metterò ai Raggi X il testo su riportato rinvenendone le radici, non solo razziste ed anti-popolari, ma anche filo-statunitensi e filo-sioniste.

(1) Le violenze e le devastazioni, perpetrate dai giovani dei gruppi etnici allogeni (cittadini britannici o meno) dimostrano ancora una volta quello che noi abbiamo sempre sostenuto. Esse dimostrano che l’immigrazione di massa, il multiculturalismo e l’integrazionismo sono falliti e che enormi danni sono stati arrecati alla convivenza sociale, all’economia e alla sicurezza interna.

Io credo che sia interessante rilevare come tutti quelli che si dicono a favore della globalizzazione siano contro l’immigrazione. L’imperialismo, non a caso, si basa sull’esportazione dei capitali finanziari, la deindustrializzazione degli Stati sovrani e la successiva militarizzazione di questi, quindi i colonialisti impiantano i loro apparati burocratici e repressivi, controllano le risorse territoriali e sfruttano la forza lavoro de proletariato autoctono. I marxisti sanno che il colonialismo si basa sullo sfruttamento delle risorse e la militarizzazione del territorio, mentre, l’imperialismo, aggiunge a questi due elementi anche lo sfruttamento della forza lavoro e l’assorbimento del plusvalore di un proletariato diverso da quello nazionale. Una cosa è certa: nessun esponente di estrema destra dirà mai ‘usciamo dalla NATO’, oppure abbandoniamo le politiche militariste per investire nello Stato sociale. La destra può avere anche un tono populista ma fa sempre il gioco delle fazioni borghesi militariste ed imperialiste. Questo deve essere un principio cardine.

(2) Esse dimostrano che una società si può reggere unicamente sul senso comunitario derivante dalla comune identità etnica, linguistica e culturale dei propri cittadini. Esse dimostrano che il destino di una società multiculturale, che rinuncia all’identità in nome della libera circolazione della forza lavoro e del consumismo di massa, è la “guerra di tutti contro tutti” e il disfacimento finale. Esse dimostrano che lo Stato non può mostrarsi debole nei confronti di chi vive alle sue spalle e disprezza le sue leggi. Per questo motivo, ti porto la mia solidarietà e del movimento “Progetto Nazionale” che rappresento, per i fatti dolorosi che stanno colpendo la tua Patria.

Il poeta Pier Paolo Pasolini una volta disse che ‘’il razzismo è un odio di classe inconscio’’. In regime capitalistico un manager ovunque vada resta sempre un manager non perde la sua qualità di gran borghese, mentre, nell’epoca degli Stati feudali, se un marchese dalla Francia si spostava in Spagna, perdeva il titolo nobiliare. Le comunità sono effettive e quindi reali solo se si fanno portatrici di coesione sociale, di uguaglianza e di solidarietà di classe.

James Connolly, rivoluzionario comunista e patriota irlandese, diceva che l’amor di Patria è vero solo se porta alla lotta per l’abolizione del capitalismo e l’instaurazione del socialismo. Il vero patriota – dice Connolly – combatte per fare, realmente, del suo paese un’avanguardia della lotta anticoloniale. L’estrema destra europea converge con gli Usa ed Israele – oltre che sull’islamofobia – su altre due questioni basilari: (1) le problematiche sociali devono essere messe da parte e nessuno si deve mai immaginare di modificare i rapporti sociali di produzione ( l’antisocialismo, per capirci ); (2) la coesione comunitaria è data dalla razza e dal mito. Da ciò il mito dell’arianesimo nel nazismo e della Grande Israele nel revisionismo ebraico. Personalmente posso dire che l’islamofobia ha preso il posto del vecchio anticomunismo e, dirò di più, anche del vecchio antisemitismo. Le dinamiche che ho analizzato mi portano a sostenere questo.

Questo programma di estrema destra, filo-americano e filo-israeliano, è sostenuto dalle seguenti organizzazioni politiche:

Bloc Identitaire (Francia), British National Party (UK), CasaPound Italia (Italia), Dansk Folkeparti (Danimarca), English Defence League (UK), Front National (Francia), Partij voor de Vrijheid (PVV, Olanda), Die Freiheit (Germania), Freiheitliche Partei Österreichs (FPÖ, Austria), Fremskrittspartiet (Norvegia), Lega Nord (Italia), Perussuomalaiset (Finlandia), Sverigedemokraterna (Svezia) e Vlaams Belang (Belgio).

Si tratta di organizzazioni che dal neofascismo degli anni ’70 sono passate alla estrema destra pro-neoliberista. Il collante che ha favorito questo passaggio è sempre l’odio verso la sacra religione islamica. Chi tiene i fili dell’estrema destra oggi ? Washington ? Tel Aviv ? Certamente è così, io ho analizzato il profilo ideologico ma non mancano studi che mettono in mostra come ad Israele faccia capo una vera e propria Internazionale nera ed anti-egalitaria. Per serietà mi dilungo ancora un po’ e faccio solo un esempio ( fra l’altro non italiano ) che basta ad inchiodare i critici di questa mia tesi ( l’esempio lo devo fare in modo preventivo come anti-critica perché quello che ho scritto è già molto eloquente ) ? Dove mettiamo un collaboratore sionista come Geert Wildes che certamente, se non neofascista, è di estrema destra e si vanta di essere un collaboratore del Mossad. Riporto questa notizia interessante e la metto in grassetto perché deve essere approfondita dal lettore:

Wilders ha eccellenti rapporti anche con i gruppi filo-israeliani degli Stati Uniti. Egli è sostenuto, ad esempio, dal neoconservatore Daniel Pipes, del Middle East Forum. Pipes ha aiutato Wilders nelle spese giudiziarie per il caso istruito contro di lui in Olanda, dove diversi gruppi lo avevano accusato di istigazione all’odio. Negli Stati Uniti, Wilders sta anche in frequente contatto con l’americana-ebraica Pamela Geller, nota come una delle più famigerate propagandiste di odio contro l’Islam. Wilders ha aderito alla campagna della Geller contro Cordoba House, la moschea prevista a Manhattan, da costruire non lontano dal luogo dell’11 settembre. La Geller appartiene alla corrente di estrema destra del sionismo, dove Wilders si sente a casa. Negli Stati Uniti lei non è attiva solo contro i musulmani, ma anche contro gli ebrei che criticano Israele, vale a dire quelli “che sono morbidi con l’Islam”. Proprio come faceva Markuszower in Olanda prima di venire smascherato come informatore del Mossad. ( Peeter Edel, Geert Wildes: il fantoccio della destra israeliana, 1 dicembre 2010, articolo pubblicato in Italia nell’ottimo blog di Andrea Carancini )


Io non posso che leggere tutto questo come un tentativo di costituire una Internazionale antidemocratica fondata sull’islamofobia. Bisogna denunciare questo progetto che, a mio avviso, è eversivo. Israele lotta contro la democrazia nel mondo, promuove ideologie razziste, poggia su collaborazionisti senza scrupoli, quindi deve essere denunciata e fermata. Il paragrafo forse si è dilungato in modo eccessivo la l’esempio di Wilders ( ne potrei fare altri: Le Pen, Lega Nord e la super filo-israeliana Casa Pound ) era necessario. Le cose che si dicono vanno sempre provate con documenti alla mano.

Il cattolicesimo arma degli Usa e di Israele ? Il caso di Alleanza Cattolica ed i suoi seguaci italiana
Il mio ultimo riferimento riguarda il movimento brasiliano chiamato ‘’Tradizione, famiglia, proprietà’’ e la sua sezione italiana: Alleanza Cattolica.

Il filosofo di riferimento di questo movimento, molto vicino all’ Opus Dei, è Plinio Correa de Oliveira. Questo filosofo aristocratico come tutti i creatori di sette, considera la sua organizzazione una estensione del suo ‘’Ego’’. Ed ecco che abbiamo litanie dedicate alla defunta madre:


LITANIE DI DONNA LUCILIA
Kyrie, eleison. 
Christe, eleison.
 
Kyrie, eleison.
 
Christe, audi nos.
 
Christe, exaudi nos.
 
Pater de coelis, Deus, miserere nobis.
 
Filii, Redemptor mundi, Deus, miserere nobis.
 
Spiritus Sancte, Deus, miserere nobis.
 
Sancta Trinitas, unus Deus, miserere nobis.

Donna Lucilia, prega per noi.
Madre del Sig. Dr. Plinio, prega per noi.
Madre del Dottore della Chiesa, prega per noi.
Madre del nostro Padre, prega per noi.
Madre dell'Ineffabile, prega per noi.
Madre di noi tutti, prega per noi.
Madre dei secoli futuri, prega per noi.
Madre del Principio assiologico, prega per noi.
Madre del Carattere di Sintesi, prega per noi.
Madre purissima, prega per noi.
Madre della Trans-sfera, prega per noi.
Madre della Serietà, prega per noi.
Madre della Contro-Rivoluzione, prega per noi.
Restauratrice dei Caratteri, prega per noi.
Fonte della Luce, prega per noi.
Generatrice dell'Innocenza, prega per noi.
Conservatrice dell'Innocenza, prega per noi.
Consolatrice del Sig. Dr. Plinio, prega per noi.
Mediatrice del Grand Retour, prega per noi.
Mediatrice di tutte le nostre grazie, prega per noi.
Aurora del Regno di Maria, prega per noi.
Donna Lucilia del Sorriso, prega per noi.
Donna Lucilia delle Visioni, prega per noi.
Fiore più bello di tutti, prega per noi.
Refugium nostrum, prega per noi.
Consolatrix nostra, prega per noi.
Auxilium nostrum nella "Bagarre", prega per noi.
Causa della nostra perseveranza, prega per noi.
Vaso di logica, prega per noi.
Vaso di Metafisica, prega per noi.
Martire dell'isolamento, prega per noi.
Regina della sofferenza serena, prega per noi.
Regina dell'amabilità, prega per noi.
Regina della Serenità, prega per noi.
Donna Lucilia, Madre e Signora nostra, aiutaci [27].
Donna Lucilia, nostra più grande mediatrice presso la Madonna, aiutaci.
V) Prega per noi, Madre del Dottore della Chiesa.
R) Affinché siamo fatti degni delle promesse del Sig. Dr. Plinio.

Per questi esponenti della estrema destra mondiale la religione diventa uno strumento necessario per creare disgregazione sociale. Capiamoci, cristianamente parlando, Plinio Correa de Oliveira – e il suo guru italiano, Massimo Introvigne – è un ateo devoto, infatti l’ideologo brasiliano scrive:

La lotta fra la Rivoluzione e la Contro-Rivoluzione è una lotta che, nella sua essenza, è religiosa […]. È facile vedere la parte della Madonna nella lotta fra la Rivoluzione e la Contro-Rivoluzione […]. Maria è la Mediatrice Universale, è il canale attraverso il quale passano tutte le grazie. Pertanto, il suo aiuto è indispensabile perché non vi sia Rivoluzione, o perché questa sia vinta dalla Contro-Rivoluzione […]. La devozione a Maria è condizione sine qua non perché la Rivoluzione sia schiacciata, perché vinca la Contro-Rivoluzione" 

"La Rivoluzione non è frutto della semplice malizia umana. Quest'ultima apre le porte al demonio, dal quale si lascia eccitare, esacerbare e dirigere […]. La parte del demonio nell'esplosione della Rivoluzione è stata enorme. ("La devozione mariana e l'apostolato contro-rivoluzionario", in Cristianità, nov.- dic. 1995, p. 9 ss.)

La religione nell’ottica dell’estrema destra deve conferire all’occidentalismo un carattere messianico preparando la matrice ideologica dell’americanismo e del sionismo bellicoso. Ecco perché l’islamofobia è stato un collante efficace che ha attratto molte organizzazioni neofasciste dando loro un ruolo attivo. I neofascisti sono grati agli Usa anche se celano il loro servilismo.

Antisionismo e antifascismo, vanno usati come sinonimi

Il mio saggio prende in esame l’estrema destra classica ( in Italia le organizzazioni a destra di Berlusconi, per intenderci ) ma le dinamiche argomentative, in alcuni casi ( si veda l’esempio di Saya ), fanno perdere la linea di confine fra l’estrema destra e il neofascismo differenziati, almeno, da una prospettiva politologica.

Negligenza mia ? Non credo, in realtà più che fare una differenzazione rigida, io, da un punto di vista antimperialistico, credo che sia più importante ( ed alla fine è quello che ho fatto ) indagare le ragioni che hanno spinto gli eredi di Mussolini, Hitler e Franco ad intraprendere una nuova Crociata oppure ad alzare la bandiera con la Stella di Davide. Opportunismo, servilismo verso i potenti, razzismo ? C’è questo ed altro, preme però sottolineare come, anche culturalmente, certi personaggi si siano schierati puntualmente dalla parte dei vincitori. Volete che vi faccia un esempio eloquente e degradante nello stesso tempo ? Julius Evola che da ideologo del nazismo, pur continuando a mantenere ammirazione verso il progetto hitleriano, difese l’imperialismo statunitense ed elogiò il sionismo. Chi ha competenze filosofiche, in effetti, dovrebbe indagare come mai molti antisemiti ( qui ho citato Evola ) siano diventati forti sionisti. Israele stessa ha collaborato con dittature militari antisemite. Insomma, l’occidentalismo genera mostri della peggior specie. Una provocazione finale ( e secondo me giusta )voglio lanciarla: dati, oggi, i rapporti di forza fra le classi, l’anti-americanismo e l’antisionismo, hanno preso il posto del nobile antifascismo storico. L’antisionismo è l’antifascismo del XXI secolo. Provocazione pesante ma che si può ampiamente provare ed in parte, in questo articolo, l’ho fatto.

Conclusione

I neofascisti hanno pienamente prestato servizio in tutti i progetti eversivi statunitensi, insieme alla estrema destra classica, diventando il braccio armato non solo degli Stati Uniti ma anche di Israele. Gli esempi italiani che ho fatto, esempi eterodossi dato che non mi sono soffermato sulla più famosa ed atlantissima Casa Pound o sugli islamofobi di Forza Nuova, sono eloquenti ed oserei dire efficaci nello stesso tempo. Il neofascismo si è prontamente riciclato da neocorporativista a neoliberista e, da antisemita ( ma spesso in collaborazione con i sionisti e protetto da Israele ) ad islamofobo. Da lì è nata una destra atlantica ed apologeta delle guerre di rapine della NATO. Casa Pound appoggiò il corrotto faccendiere Berlusconi e benedì il criminale di guerra Bush mentre la Lega Nord instaurò stretti rapporti con Israele per promuovere l’islamofobia. Questo è ciò che posso dire al volo su queste due organizzazioni reazionarie che  non ho analizzato nel saggio ma di cui oggi molto si parla. I neofascisti rimasti continuano il loro ruolo di provocazione per contro del Grande Capitale, la loro linea cultura è sempre quella del White Power, difficile fare distinzioni e differenziazioni nella loro evoluzione e genesi storica: sono la manovalanza degli Usa. Non giriamoci attorno anche se, la cosa deve essere studiata ed io, con questo lavoro, credo di averlo ben fatto bene.

Cosa dire in conclusione ? Mutuando le parole di Lenin ‘i fatti hanno la testa dura’ e – per quello che mi riguarda – là dove troverai una ambasciata statunitense ed israeliana là troverai anche dei neofascisti a fare i cagnolini da guardia. Oltre non possono andare !


Altri siti consultati:

  
Nella foto, in alto, neonazisti di Pravy Sektor dimostrano il loro appoggio ad Israele contro Movimento di Resistenza Islamico Hamas. Un'altra dimostrazione del supporto dato da molti movimenti neofasciste a forze sciovinistiche come il militarismo israeliano. Questo conferma la tesi esposta nell'articolo.

 
       Stefano Zecchinelli